Astorga (Spagna)

Astorga è un villaggio monumentale che si trova nella provincia di León. Nei monumenti di Astorga spicca il suo passato romano e la sua condizione di sede vescovile. Sono testimoni di questa storia il Palazzo Episcopale di Astorga, il Museo del Cioccolatto, le mura romane, la Cattedrale, il Museo Romano, la Via Romana, l’antico Seminario Diocesano, il Palazzo Granell, la chiesa di Sant’Andrea, il Museo dei Cammini e il Museo della Cattedrale, tra l’altro. Nei dintorni d’Astorga ci sono parecchi paesi che ben meritano una visita, come sono, Castrillo de los Polvazares, Turienzo  de los Caballeros, Tabuyo del Monte  e Foncebadón. Vicino ad Astorga si può visitare il complesso minerario più importante dell’ Imperio Romano, Las Médulas.

Pellegrini di tutto il mondo arrivano ogni anno a nostro villaggio percorrendo il Cammino di Santiago. Le due percorsi giacobei più importanti della Spagna sono il Cammino Francese e la Via Delapidata, che confluiscono a Astorga, villaggio molto accogliente con tutto il necessario perche il turista e il pellegrino si godano della loro visita.

 

Palazzo Vescovile di Gaudí, a Astorga (Spagna)

Palazzo Episcopale di Astorga, da Gaudi (Spagna)

Astorga (Spagna) è a 3 ore di macchina da Madrid, grazie à l’autostrada A6 Madrid – La Coruña e ben communicato con il nord-ovest spagnolo e con le principali città del paese: La Coruña, Saragossa e Barcellona in treno e Madrid, Lugo, Santiago di Compostela, Zamora e Salamanca, Principato delle Asturie in autobus. L’aeroporto di León, che si trova nel paese di La Madonna del Cammino, è ad una distanza di soltanto 42 km.

Che c’è da fare ad Astorga?

Il nostro Carnevale, comunemente conosciuto come Piñata si svolge il fine di settimana dopo il tradizionale Carnevale. La Pasqua attrae a miliardi di visitanti ogni anno e durante l’ultimo fine di settimana di luglio si fa la ricreazione storica degli Asturi e i Romani. Anche sono importanti le ferie di Santa Marta (le due ultime weekend di agosto) e il Festival del Cinema durante i primi quindici giorni di settembre. Ci sono anche dei pub come il Kavafis che offrono musica in diretta parecchi weekend.

Come prodotti gastronomici, il cocido maragato è la star della nostra cucina, come tradizionale è il baccalà all’ajoarriero. Spiccano per diritto proprio: la cecina (una sorta di bresaola),  il chorizo ed altri salumi, le carni del Teleno… Come dessert si possono assaggiare i merles, il cioccolatto, la pasta sfoglia e i mantecadas.

Commenti chiusi