I petroglifi di Maragatería

Le incisioni rupestri della Maragatería, i cosiddetti petroglifi, sono tra le poche impronte visibili del popolo che qui abitava prima dell’arrivo dei romani e delle cicatrici che lasciarono in queste terre gli sfruttamenti auriferi. I labirinti e le vaschette furono intagliate nella roccia circa 4500 anni fa, ciò che li rende uno dei gruppi più antichi del mondo. Nonostante la loro singolarità, il loro significato è ancora nascosto ai nostri occhi. La loro localizzazione offre una vista senza paragone del Teleno, un monte che ancora venerano gli abitanti del luogo, pur essendo trascorsi 2500 anni dal momento in cui i romani cominciarono a venerare questo dio locale sotto il nome di Mars Tilenus.

Visitare i petroglifi di León

I petroglifi di Maragateria si possono visitare senza prenotazione, essendo il percorso adatto anche per i bambini. Per arrivarci da Astorga, bisogna seguire la strada LE-142 fino a Santa Colomba di Somoza, dove deviamo per la LE-6311 verso Lucillo. Attraversiamo questo paesino senza lasciare la strada e, già nella periferia, prendiamo la LE-6425 verso Filiel. Prima di arrivare a Filiel, c’è un cartello che indica perfettamente la direzione a prendere. Camminando più o meno 200 metri arriveremo ai petroglifi, uno dei monumenti all’aperto più originali di León. Non ci sarà difficile parcheggiare la macchina.

L’ultime ore di luce della sera nei giorni limpidi sono le ideali per scattare le migliori fotografie di queste meraviglie con il Teleno come sfondo. Se per caso decidiamo visitarli durante le ultime settimane d’inverno o le prime della primavera, col Teleno innevato, c’è un rimedio tradizionale per preparare il corpo alle folate del vento freddo, il cocido maragato. Le immagini che accompagnano queste linee sono di una sera qualsiasi del mese di luglio.

Petroglifi sotto i piedi del Teleno

Petroglifi sotto i piedi del Teleno

Nella zona dove si trovano questi petroglifi, si possono vedere, pure, vestigia delle innumerevoli miniere d’oro dell’epoca romana, così come qualche fortezza di collina degli Asturi.

I commenti sono chiusi