Settimana Santa ad Astorga

La Settimana Santa ad Astorga è una celebrazione religiosa di grande importanza culturale e turistica. È stata dichiarata Festa di Interesse Turistico Nazionale in Spagna e ogni anno attira sempre più visitatori da altri paesi. Questa piccola città spagnola ha otto confraternite che organizzano tutte le processioni e gli eventi. Vi partecipano circa 5.000 persone, un numero molto alto per una città di circa 10.000 abitanti. La Settimana Santa ad Astorga è una celebrazione che ha le sue radici nel Medioevo ed è molto popolare tra la popolazione locale.

Come si celebra la Settimana Santa in Spagna? Per otto giorni si commemorano gli episodi più famosi della passione, morte e resurrezione di Gesù Cristo. Queste scene, rappresentate in sculture di legno, vengono portate per le strade delle città sulle spalle dei fedeli, una tradizione che si mantiene dal Medioevo. A quel tempo, la rievocazione di passi del Nuovo Testamento per mezzo di sculture avvicinava il Vangelo alla popolazione che non sapeva leggere e serviva anche come dimostrazione pubblica di fede e devozione. I veri protagonisti della Settimana Santa sono le migliaia di confraternite anonime che, con il loro lavoro silenzioso, rendono possibile questa celebrazione che ci porta indietro nel tempo.

Anche la gastronomia della Settimana Santa è molto importante, poiché la tradizione cattolica ha imposto digiuni e proibizioni sul consumo di carne in date speciali. Ecco perché il baccalà è uno dei protagonisti della gastronomia della Settimana Santa: lo stufato di baccalà, il baccalà in salsa ajoarriero o le crocchette di baccalà sono alcuni dei piatti più tradizionali. Anche le zuppe all’aglio, fatte con pane raffermo, acqua e paprika, sono molto popolari. Per quanto riguarda i dolci, le torrijas sono tipiche in questo periodo dell’anno. Ad Astorga e in altre zone di León, i bar servono limonata di vino, fatta con vino, limoni, zucchero e cannella.

Storia della Settimana Santa ad Astorga

Le confraternite spagnole sono sorte intorno all’XI secolo. In origine erano associazioni di aiuto reciproco che prendevano il nome di un santo della loro devozione. Uno dei loro obiettivi era quello di realizzare opere di carità o di pietà. Ad Astorga c’erano numerose confraternite dedicate ad aiutare i pellegrini nel loro cammino verso Santiago; la città aveva 22 ospedali per pellegrini. Partecipavano anche alle feste religiose più importanti, motivo per cui erano legati alle prime celebrazioni della Settimana Santa. A partire dal XVI secolo, la Chiesa li regolamentò in vista della loro proliferazione.

I primi riferimenti scritti alla Settimana Santa di Astorga risalgono al XV secolo. Questi scritti ci portano a credere che questa festa veniva celebrata molto prima nella nostra città. Alcune delle tradizioni della Settimana Santa ad Astorga, come la distribuzione di un piccolo panino (bolla) alle confraternite partecipanti, sono documentate fin dal XIII secolo.

Durante la Guerra d’Indipendenza Spagnola, le truppe francesi distrussero alcune delle statue più antiche e venerate di Astorga. Anche tutta la documentazione di una delle più antiche confraternite della città è stata distrutta. Nonostante questo contrattempo, la Settimana Santa ha continuato ad essere celebrata e sono state aggiunte nuove sculture. Attualmente ci sono otto confraternite che partecipano alla Settimana Santa.

Processioni ordinate per giorno

Quindici diverse processioni possono essere viste durante la Settimana Santa ad Astorga. Due di esse servono a portare in città due delle sculture più venerate della regione. Le processioni completano gli atti liturgici, che si svolgono nelle diverse chiese della città e nella Cattedrale di Astorga.

  • Venerdì dei Dolori: Via Crucis processionale.
  • Sabato di Passione: trasferimento processionale dell’Ecce Homo dall’eremo di Valdeviejas.
  • Domenica delle Palme: Processione delle Palme. Processione di Nostra Signora dei Dolori. Trasferimento processionale di “Gesù legato alla colonna” di Piedralba.
  • Lunedì Santo: Processione della Pietà.
  • Martedì Santo: Processione della Via Crucis.
  • Mercoledì Santo: Processione della Santa Cena.
  • Giovedì Santo: Processione del Silenzio. Processione Penitenziale.
  • Venerdì Santo: Processione dell’Incontro. Processione del Beato Cristo degli Afflitti. Processione della Santa Sepoltura. Processione della Solitudine.
  • Sabato Santo.
  • Domenica di Pasqua: Processione del Cristo Risorto.

Confraternite della Settimana Santa di Astorga

  • Confraternita della Santa Vera Croce e Gonfalone (Cofradía de la Santa Vera Cruz y Confalón).
  • Reale Confraternita di Nostro Padre Gesù Nazareno e Santa Maria della Solitudine (Real Cofradía de Nuestro Padre Jesús Nazareno y María Santísima de la Soledad).
  • Arciconfraternita di Nostra Signora dei Dolori (Archicofradía de Nuestra Señora de los Dolores).
  • Confraternita dei Cavalieri del Silenzio di Nostro Padre Gesù Nazareno (Hermandad de Caballeros del Silencio de Nuestro Padre Jesús Nazareno).
  • Confraternita del Beato Cristo degli Afflitti (Cofradía del Bendito Cristo de los Afligidos).
  • Confraternita dell’Entrata di Gesù a Gerusalemme (Cofradía de la Entrada de Jesús en Jerusalén).
  • Confraternita della Santa Cena (Hermandad de la Santa Cena).
  • Confraternita delle Signore di Nostra Signora della Pietà (Cofradía de las Damas de la Virgen de la Piedad).
Torna su